Latte materno o artificiale

Creato da giovedì, 9 febbraio, 2012, 11:09

latte artificiale o materno

Il latte, per il bambino, è un alimento fondamentale.

C’è chi allatta il proprio piccolo al seno senza problemi per anni o mesi e chi, per mancanza di latte o per problemi di salute vari (mastiti, ascessi mammari, operazioni chirurgiche effettuate poco tempo prima del parto) deve ricorrere subito al latte artificiale non passando quindi dal seno e dal latte materno.

Talvolta, addirittura, la madre sceglie di non allattare al seno per alcuni motivi (paura delle ragadi, rifiuto fisico della suzione del neonato, capezzolo piatto, etc). In questi casi, chiede che le venga tempestivamente fasciato il seno per bloccare  la montata lattea. Infine, per mandare via del tutto il latte, assume delle apposite compresse.

Latte materno e latte artificiale presentano entrambi, tuttavia, dei “pro” e dei “contro”.

Il latte materno è gratis perchè proviene dal seno, viene sempre “servito” alla temperatura ideale, è disponibile in qualsiasi momento, protegge il neonato da malattie anche a lungo termine e contiene degli enzimi che facilitano la digestione, evitando spiacevoli disturbi come, ad esempio, le coliche. Inoltre, pare che l’allattamento al seno renda più intelligenti (anche se, per mia esperienza, ho notato che moltissimi bambini allattati artificialmente sono brillanti, svegli e per niente indietro nella tabella di marcia, anzi!).

Tuttavia, se l’allattamento al seno viene protratto per troppo tempo, non contiene più una quantità sufficiente di ferro e il rischio di anemia è possibile, perciò al piccolo devono essere somministrati integratori di ferro. Inoltre, un allattamento che superi l’anno di età del bambino rischia di diventare logorante per la madre stessa che, nonostante sia senz’altro felice di poter nutrire il figlio tramite il proprio corpo, a volte accusa spossatezza e lei stessa può soffrire di anemia. Quindi anche il latte materno del seno porta sicuramente dei contro.

Il latte artificiale, pur non essendo per sua stessa definizione una sostanza naturale e non essendo gratis, è comunque studiato in base alle esigenze dei bambini e contiene tutto ciò che serve per la loro crescita.

Inoltre, se la madre è fuori casa, chiunque può dare il biberon di latte al piccolo (padre, nonni, tate, etc). Certe madri hanno convenuto che, dopo un lungo allattamento al seno, vedevano le madri che davano il biberon meno stressate e stanche. Anche questo, se vogliamo, può essere visto come un vantaggio del latte artificiale.

Altri svantaggi? Occorre regolarne la temperatura e  tende ad appesantire leggermente di più lo stomaco. Per trovare il latte artificiale adatto a un bambino, tra l’altro, spesso bisogna provarne due o più tipi diversi.

E voi?

Siete pro-allattamento al seno quindi latte materno o pro-allattamento artificiale?

Com’e avete allattato il vostro bambino con il latte materno del seno oppure avete scelto il latte artificiale?


Condividi:
  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • email
  • Google Buzz
  • Live
  • MySpace
  • LinkedIn
Sia i commenti che i ping sono attualmente disattivati.

1 Risposta a “Latte materno o artificiale”

  1. bushcraft
    23 febbraio, 2012, 19:47

    Good read, I like how you have gone into detail. Makes it easy to understand, even for plebes like me!